Skip to content

Ospedali della Bassa, «non ci fermeremo»

21 Giugno 2020   Notizie
 

Dopo la fiaccolata la richiesta di un incontro con il Prefetto e presidi davanti ad Asst di Lodi e Tribunale.  CLICK LEGGI

«Il successo della fiaccolata di venerdì è solo un punto di partenza per altre iniziative . La struttura è stata svuotata da un giorno all’altro durante un periodo in cui tutti eravamo chiusi a casa. Chiediamo chiarezza anche sul futuro del presidio di Codogno.
Chiederemo un incontro in Prefettura. Se il Prefetto di Lodi vorrà organizzare un tavolo istituzionale ci saremo anche noi. Riaprire gli ospedali del nostro territorio e renderli più efficienti è il nostro obiettivo e possiamo parlarne solo coinvolgendo tutti i rappresentanti locali, il nuovo direttore generale, i sindaci interessati e i rappresentanti dei lavoratori. La sanità lodigiana non deve uscire danneggiata da questa emergenza. Non possiamo accettarlo».

Tra le iniziative in programma dai tre sindacati Confsal, Fisi e Cisl anche un presidio di due mesi con un camper davanti alla sede dell’Asst di Lodi in piazza Ospitale. «Dal 2 luglio saremo
presenti davanti alla sede dell’azienda per far sentire la nostra voce – conclude Lazzarini –. Ma non ci fermeremo qui. E’ in programma anche un sit-in davanti al tribunale per chiedere
un’eventuale incontro ad un magistrato per essere ascoltati: riteniamo che ci sia stata un’interruzione di servizio con la chiusura dei poliambulatori nei presidi del Basso Lodigiano».

CAMPA CAVALLO CHE L’ERBA CRESCE ? ECCO LA RINASCITA AL MOVIOLA !